Governo, botte da orbi. Bellanova al vetriolo contro Conte: «Sei premier grazie a Renzi».

Al governo continuano a darsele di santa ragione. L’esecutivo guidato da Giuseppe Conte è nato davvero sotto una cattiva stella. Ieri la polemica tra Renzi e Conte sul cuneo fiscale. Con Giuseppe che accusa Matteo di voler fare il “fenomeno”. Poi sempre Conte che incalza Renzi con una intervista sul Corriere. “Così non si va avanti”. La durissima replica è affidata oggi alla pasionaria renziana Teresa Bellanova. “Stai lì grazie a Renzi”. Non è una uscita molto elegante. È un bollettino di guerra. Il fatto grave (e buffo) è che Bellanova è un ministro. E quindi, come membro del governo, dovrebbe usare toni più misurati. Invece niente. A Palazzo Chigi e dintorni è crisi di nervi continua. Di questo passo proprio non durano. Prima o poi (più prima che poi) qualcuno staccherà la spina.

Ma vediamo che cosa ha detto esattamente la Bellanova. “Questo governo è nato grazie a Matteo Renzi. Ed è grazie a Renzi che Giuseppe Conte può fare il Presidente del consiglio. È necessario che tutti recuperiamo un atteggiamento di grande linearità e rispetto reciproco. Abbiamo tante cose da fare”. E poi una dichiarazione che suona come la battuta di un comico. “Questo governo deve durare l’intera legislatura”. La ministra augura lunga vita al governo subito dopo aver sparato a palle incatenate contro il premier. Vuole per caso prenderci in giro? Per la cronaca, il ministro dell’Agricoltura ha rilasciato queste dichiarazioni di fuoco a Terrasini. Mentre era in visita alla scuola di formazione “Futura”.

Ecco la ciliegina sulla torta di Bellanova.”Sono consapevole come tutti noi che il presidente Conte ha avuto un’esperienza traumatica. Perché aveva un ministro degli interni che dichiarava ogni giorno guerra a qualcuno. Spesso dando sulla voce anche ai colleghi di governo. Noi non siamo di quella pasta lì. Noi vogliamo misurare l’azione di governo sul tasso di soluzione di problemi”. Conte traumatizzato? Non pare proprio un complimento…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.