Fazio e Littizzetto deridono Salvini e festeggiano (a nostre spese) il governo amico

Fazio e Littizzetto deridono Salvini e festeggiano (a nostre spese) il governo amico

Belle scarpe, ci vai al Papeete?”, chiede lui. “Ma ora che ‘Bacioni’ se n’è andato dal governo, posso tirare fuori le cose dal trolley?”, replica lei sganasciandosi. Matteo Salvini, come da copione, è stata la vittima  del primo duetto stagionale tra Fabio Fazio e Luciana Littizzetto nella puntata che ha aperto l’annata di Che tempo che fa. Il primo pensiero per la coppia d’oro della televisione italiana…

Una gag accompagnata da battute, frizzi e lazzi della claque dello studio Rai, uno show realizzato grazie ai soldi dei contribuenti con l’obiettivo di far credere che da parte del vecchio governo, con Salvini e i leghisti in maggioranza, ci fosse la volontà di epurare il duo di “Che tempo che fa” mentre lo spostamento da Rai1 a Rai2 è stato deciso prima della fine del governo giallo-verde e, soprattutto, non a causa di ingerenze politiche ma degli scarsi ascolti registrati sulla rete ammiraglia, nonostante il contratto d’oro che lega Fazio e il suo carrozzone all’azienda di Stato.

Gli ascolti, però, anche in questo caso non sono stati all’altezza delle aspettative, nonostante gli entusiastici comunicati stampa della “propaganda” faziana. Il suo “Che tempo che fa“, al debutto su Rai2, finisce solo terzo, battuto dalla fiction di Rai1 e da Barbara D’Urso su Canale 5, raddoppiando gli ascolti della rete della settimana scorsa ma con poca gloria: il 22 settembre era andato in onda un filmetto sulle Hawaii, ideale per far fare bella figura a Fazio la settimana successiva…  “Che tempo che fa” è stato visto da un milione e mezzo di spettatori, con uno share dell’8,5%, “Imma Tataranni’” su Raiuno ha vinto la serata con 4 milioni 389mila spettatori e il 20,1% di share, secondo ella fascia “Live – Non è  D’Urso” che su Canale 5 ha raccolto davanti al video 1 milione 808mila spettatori pari all’11,9% di share.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.