Evita i blocchi covid viaggiando per 4 ore in moto d’acqua per andare dalla fidanzata: arrestato


 

Arrestato dopo aver viaggiato per quattro ore a bordo di una moto d’acqua per raggiungere la fidanzata. Protagonista di questa storia è un giovane britannico, Dale McLaughlan, che ha pensato di eludere i controlli della zona rossa noleggiando un mezzo di trasporto acquatico per raggiungere l’Isola di Man dove abita la sua ragazza.

Il giovane di 28 anni, non riuscendo più a sopportare la lontananza dalla sua dolce metà, venerdì mattina è partito dalle coste scozzesi e ha attraversato il Mare d’Irlanda, nonostante non avesse mai guidato uno scooter d’acqua prima d’ora.

Una volta approdato, il giovane ha raggiunto la sua ragazza con la quale aveva intenzione di trascorrere il weekend nei locali dell’isola. La coppia è stata però fermata per dei controlli all’ingresso di una discoteca e il 28enne, scoperto al di fuori della zona rossa, è stato arrestato con l’accusa di aver violato le misure anti-Covid. Dinanzi al giudice, Dale avrebbe subito ammesso di essere arrivato illegalmente sull’isola. Dovrà scontare 4 settimane di carcere.

Durante gli accertamenti del caso, il 28enne avrebbe spiegato che non si aspettava di impiegarci così tanto per raggiungere l’Isola di Man. Dopo quattro ore di traversata, il giovane è approdato nella città di Ramsey. Quindi ha dovuto camminare per altri 25 km per raggiungere la casa della sua fidanzata a Douglas.

Secondo quanto riportato dai giornali locali, i due si sarebbero conosciuti appena lo scorso settembre mentre lui si trovava sull’Isola per lavoro.

La decisione dei giudici

L’avvocato difensore di McLaughlan si è giocato ogni carta in suo possesso pur di alleggerire la posizione del suo cliente. In aula ha affermato che il 28enne soffriva gravemente di depressione e che sentiva il bisogno di vedere la sua ragazza. Ma i giudici non hanno fatto sconti: il suo comportamento ha rappresentato un rischio per se stesso e per i residenti dell’isola e andava punito.