«È odio, odio, odio». Salvini? La Boldrini se lo sogna anche di notte

Laura Boldrini non si stanca di dire la sua, di accusare, insultare, criminalizzare il governo, chi non la pensa come lei, e soprattutto è instancabile nella sua crociata contro Salvini. La “presidenta”, che non si è accorta che il suo giudizio penalizza fortemente lei, il suo partito LeU prossimo all’estinzione e la causa dei buonisti con le magliette rosse, non ha voluto farci mancare il suo pensiero anche in questo sabato d’agosto e  ha rilasciato un’intervista sulla testata online Gli Stati Generali, affermando di vedere odio e razzismo ovunque. «SoprattuttoLega e M5S sono i più esperti nel costruire la politica dell’odio volta a creare un capro espiatorio, nella maggior parte dei casi il migrante, il diverso, il più debole. Ma anche a generare un “odio politico” verso la figura politica che la pensa diversamente, che si concretizza esponendo la controparte a una gogna mediatica per screditarla». Così Laura Boldrini ha il coraggio di rovesciare la frittata, ignorando la campagna d’odio e di contrapposizione a volte brutale sui media contro Salvini nelle vignette satiriche di gusto pessimo e oltraggioso comparse anche su testate un tempo autorevoli, fino al paragone con Satana di Famiglia cristiana. No. la Boldrini vive nel suo mondo. Da un lato dovremmo ringraziarla: ogni volta che parla, perde mezzo punto nei sondaggi.

Questo il suo consiglio: «Bisogna reagire senza cadere nella trappola, cercando di far capire alle persone che non devono credere a-criticamente a tutto ciò che viene scritto sulla rete. La disinformazione è dannosa, anche per la salute dei cittadini: si pensi ai vaccini pediatrici o alle cure mediche improvvisate», aggiunge. Certo, dovremmo credere a lei, probabilmente. «Io non criminalizzo le persone, che hanno paura, me la prendo con chi ha alimenta quotidianamente quella paura. Salvini è stato il primo; ha trovato nei migranti il capro espiatorio ideale, di cui ha molto bisogno». Ecco dunque la filippica contro il suo bersaglio preferito.  «Per l’ex presidente della Camera, il ministro dell’Interno «sa di non poter fare quanto promesso in campagna elettorale, dal “rimandare a casa” seicentomila migranti irregolari fino all’abolizione della Fornero passando per la flat tax». Così, «Ha creato un’arma di distrazione di massa – ha spiegato la Boldrini -, inventando un’emergenza sbarchi che non esiste, accanendosi sui migranti (i cui arrivi sono circa l’80% in meno rispetto al 2017) e tenendoli come ostaggi in mezzo al mare». Non le crede nessuno.

Fonte: http://www.secoloditalia.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.