“Così il Coronavirus è mutato” Perché è una buona notizia