Ci risiamo: con la scusa del coronavirus il ministro Bonafede vuole “liberare” 5.000 criminali