Checco Zalone, la sinistra ci ripensa: il suo film è buonista. E da destra arriva una stroncatura