Bibbiano, minacce e insulti sessisti alla Borgonzoni. La sinistra resta zitta e non s’indigna