Assembramento e merce di dubbia provenienza, il mercatino illegale che nemmeno il covid “spegne”