Il testamento della Fallaci: l’integrazione una balla