Migranti, Salvini: “Bellanova li vuole nei campi come gli schiavi Usa”

 

A due giorni dalle Regionali umbre che potrebbero sancire il passaggio di consegne tra centrosinistra e centrodestra, al centro degli interventi di Nicola Zingaretti e Matteo Salvini c’è Teresa Bellanova.

Loading...

Il ministro dell’Agricoltura, esponente di Italia Viva e grande assente nell’evento politico di Narni a cui hanno partecipato gli altri partiti della maggioranza, viene citata per motivi diversi dai segretari di Pd e Lega.

Se Zingaretti dribbla così le domande dei giornalisti (“Il ministro Bellanova ha fatto una bella campagna elettorale, non venendo in Umbria ma incontrando tanti imprenditori. Non c’è nessuna polemica”), ben più dure sono state le parole di Salvini. Durante un comizio a Cerbara, frazione di Città di Castello (Perugia), il capo del Carroccio ha promesso agli agricoltori presenti che “Se vinciamo, come vinciamo, di agricoltura si occuperà un uomo o una donna della Lega”.

Ma le sue riflessioni sulla materia agricola sono andate ben oltre i confini dell’Umbria, investendo l’attuale ministro delle Politiche agricole Bellanova: “Se abbiamo un ministro dell’Agricoltura – ha detto – che come prima dichiarazione dice che c’è bisogno di migranti da far lavorare nei campi, qua si torna alla schiavitù degli Stati Uniti d’America dell’Ottocento. Chi lavora nei campi non deve essere uno schiavo sottopagato – il commento di Salvini – ma lavoratrici e lavoratori con gli stessi diritti e doveri degli altri”.

Nessuna replica da parte della diretta interessata, che su input di Matteo Renzi ha disertato l’evento di Narni preferendo concentrarsi sulla Giornata mondiale della pasta. “Siamo felici di celebrare il World pasta day – ha annunciato il ministro Bellanova – con un momento di solidarietà e inclusione. I produttori italiani di Unione Italiana Food hanno deciso di donare oltre 200mila piatti di pasta alla Comunità di Sant’Egidio per aiutare chi ha più bisogno”. 15mila i kg di pasta donati dagli industriali di Unione Italiana Food.

 

www.ilgiornale.it