Salvini “accusa” Renzi per il suo malore: “Colpa dei suoi insulti…”

Troppi insulti. Colpa di Matteo Renzi e della sua valanga di improperi nella notte del confronto da Bruno Vespa. Il tono di Matteo Salvini è scherzoso, ma non troppo. All’indomani del malore che la ha colpito, una colica renale dolorosissima, il leader della Lega torna sul confronto tv. E lo fa con ironia, stigmatizzando le accuse scaricategli addosso dall’ex premier toscano.

Salvini contro Renzi, non solo in tv
“Con tutti quegli insulti che mi ha tirato da Bruno Vespa il fisico non ha retto”, ironizza il leader della Lega, in campagna elettorale per le regionali in Umbria a Corciano, in provincia di Perugia.

Salvini era stato portato mercoledì all’ospedale San Polo di Monfalcone, in provincia di Gorizia dopo un lieve malore. Le sue condizioni erano migliorare in poco tempo ma il leghista era stato comunque costretto a rinunciare ad andare ai funerali dei poliziotti uccisi a Trieste. In ospedale è stato trattenuto per circa un’ora. Dopo averlo sottoposto ad alcuni esami clinici, migliorate le sue condizioni, è stato dimesso. Ora le sue condizioni sono buone – ha reso noto – e di essere dispiaciuto per non aver potuto partecipare ai funerali dei due agenti uccisi.

Gli auguri sul web di Matteo Renzi
Nel corso della giornata di ieri Matteo Renzi aveva augurato una pronta ripresa all’avversario con un breve messaggio su twitter: «Un abbraccio a Matteo Salvini. Per tornare a litigare subito, naturalmente». La replica del leghista è stata dura: “Io non ho voglia di litigare, non mi pagano per litigare ma per risolvere i problemi. E non vedo l’ora di tornare al governo per dimostrare che la Lega i problemi li risolve, mentre il Pd li crea”. Sul malore che lo ha colpito, Salvini ha minimizzato: “Non sono né il primo né l’ultimo italiano ad avere una colica renale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.