Sindaco messicano non realizza le promesse elettorali. E la folla lo assale

Loading...

In Messico, gli abitanti di una cittadina hanno sottoposto a un duro trattamento il loro sindaco, accusato di non avere mantenuto le promesse elettorali.

In base a quanto riporta il quotidiano locale Excélsior, i residenti del villaggio di Las Margaritas, nello Stato del Chiapas, hanno sfogato in maniera estremamente violenta la loro furia nei riguardi del primo cittadino, Jorge Luis Escandón Hernández, rinfacciandogli di non avere realizzato una strada da lui promessa durante l’ultima campagna elettorale. La folla inferocita, costituita principalmente da agricoltori, avrebbe quindi, nell’ordine, fatto irruzione nell’ufficio di Hernández, lo avrebbe portato fuori con la forza, lo avrebbe picchiato e, infine, lo avrebbe “attaccato a un pick-up”. Il veicolo avrebbe quindi trascinato il politico per le vie della cittadina.

Loading...

Molti testimoni dell’aggressione hanno girato dei video, che immortalano appunto il sindaco, con le mani legate mediante una corda attaccata al retro del pick-up, mentre viene trascinato su e giù per le stradine di Las Margaritas.

Alla fine, il supplizio riservato dalla folla in tumulto a Hernández è stato interrotto grazie all’intervento della polizia del Chiapas e dopo che questa ha ingaggiato un duro scontro con gli abitanti della zona. I tafferugli tra agenti e cittadini avrebbero causato il ferimento di 20 persone e, al termine degli scontri, le forze dell’ordine hanno dato notizia dell’arresto di 11 individui coinvolti nell’aggressione al sindaco. Il procuratore generale del Chiapas, citato dal network americano Fox News, ha quindi assicurato che il primo cittadino di Las Margaritas sarebbe “al sicuro e in buone condizioni di salute” e ha poi condannato qualsiasi violenza contro i rappresentanti delle istituzioni.

Ad avviso della Bbc, questo sarebbe il secondo assalto subito nel 2019 da Hernández a causa sempre della mancata attuazione delle sue promesse elettorali. Quattro mesi fa, infatti, i cittadini, anche allora arrabbiati per la condotta incoerente del sindaco, avevano imbrattato e devastato il suo ufficio.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.