Milano, egiziano tenta una rapina: rischia il linciaggio della folla

Ha rischiato la vita, o quantomeno di finire all’ospedale, un ventenne egiziano che aveva appena rapinato una donna a Milano.

I passanti che avevano assistito al fatto, inferociti, lo hanno infatti inseguito per mettergli le mani addosso. Per sua fortuna anche gli agenti della polizia ferroviaria si sono accorti di quanto stava per accadere e si sono messi anche loro all’inseguimento del delinquente. Il ragazzo è finito così in carcere e non al Pronto Soccorso. Tutto è avvenuto nella serata di ieri, mercoledì 31 luglio,poco dopo le 20, nei pressi della Stazione Centrale di Milano.

Loading...

La scena è avvenuta in piazza Duca D’Aosta, all’angolo con via Vitruvio. Qui un egiziano ha aggredito una donna 50enne per rubarle la collana d’oro che indossava, per poi darsi immediatamente alla fuga con il bottino. Peccato per lui però che alla scena abbiano assistito diversi passanti, i quali immediatamente hanno deciso di inseguire il ladruncolo per acciuffarlo. Il nordafricano, come riportato da milanotoday, avrebbe bloccato la donna con una mano, stringendole il collo, e con l’altra le avrebbe strappato la catenina d’oro. La donna sarebbe anche stata spinta violentemente a terra e la presa del rapinatore le avrebbe procurato alcuni lividi sul collo.

L’uomo, con la collana in mano, ha cercato di fuggire, ma è stato fermato poco dopo dagli agenti della Polfer. I poliziotti sono giunti vicino alla Galleria delle Carrozze dove alcuni cittadini lo avevano bloccato, impedendogli qualsiasi via di fuga. Il ventenne è stato così portato negli uffici del sistema operativo di Milano Centrale. Poco dopo è arrivata anche la 50enne che ha riconosciuto nel giovane egiziano il suo aggressore. Nessuna traccia però della collana scippata. Quando gli agenti hanno perquisito attentamente il ragazzo è saltata fuori la refurtiva. La catenina si trovava nascosta nella sua bocca. Subito sono scattate le manette per rapina impropria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *