Migranti, nuovo appello del Papa: “Non si lasci affogare la gente”

Tornando in volo dal Marocco, i giornalisti chiedono a papa Francesco di Matteo Salvini e del convegno sulle famiglie di Verona.

“Io di politica italiana non capisco – frena subito il Pontefice – non so cosa sia, davvero. Ho letto la lettera del cardinale Pietro Parolin (nella quale ha spiegato agli organizzatori perchè non sarebbe andato) e sono d’accordo, una lettera pastorale, di buona educazione”. Ma poi, come riporta il Corriere della Sera, eccolo tornare a picchiar duro sull’immigrazione. E, invitando i Paesi europei a non “laciare affogare i migranti in mare”, attacca quei governi, come l’Italia, che hanno chiuso le frontiere ai barconi: “Abbiamo visto che è più bello seminare la speranza, che ci vogliono dei ponti, e sentiamo dolore quando vediamo le persone che preferiscono costruire dei muri, perchè coloro che costruiscono i muri finiranno prigionieri dei muri che hanno costruito”.

Loading...

Ieri, durante la visita in Marocco, Bergoglio ha ribadito che “il fenomeno migratorio non si risolve con i muri” e ha puntato il dito contro la Spagna che proprio in Marocco “ha costruito due barriere con lame per ferire chi le vuole superare”. Quindi, se l’è immancabilmente presa con Donald Trump rinfacciandogli di voler “chiudere completamente le frontiere”. “Ho visto – racconta il Pontefice al Corriere della Sera – un pezzo di quella barriera, il filo spinato con i coltelli. Sono rimasto commosso e poi ho pianto, perché non entra nella mia testa e nel mio cuore tanta crudeltà. Non entra nella mia testa e nel mio cuore vedere affogare persone nel Mediterraneo, mettiamo un ponte ai porti. Questo non è il modo di risolvere il grave problema dell’immigrazione”. Il Papa ammette che l’emergenza degli sbarchi e dell’immigrazione clandestina è una “patata bollente” per ogni governo che si ritrova a doverla risolverla. Ma comunque non perde l’occasione per attaccare e condannare chi “non lascia entrare” gli stranieri o “li lascia affogare” in mare o “li manda via sapendo che tanti di loro cadranno nelle mani di questi trafficanti che venderanno le donne e i bambini, uccideranno o tortureranno per fare schiavi gli uomini”.

Per papa Francesco l’Europa sta diventando come “un bastone contro i migranti”. E se la prende con gli elettori, per la maggior parte cristiani cattolici, mentre loda la “gente di buona volontà” che a suo dire è “un po’ presa dalla paura” a causa della “predica usuale dei populismi”. “Si semina paura e poi si prendono delle decisioni – continua Bergoglio nell’intervista al Corriere della Sera – la paura è l’inizio delle dittature. Dopo la caduta della Repubblica di Weimar, con promesse e paure è andato avanti Adolf Hitler e conosciamo il risultato. Impariamo dalla storia, questo non è nuovo”. Quindi, sostenendo che “l’Europa è stata fatta da migrazioni” e che questa “è la sua ricchezza”, invita i fedeli ad aprirsi a quelle “persone che migrano per la guerra o per la fame”. “Ma se l’Europa, così generosa, vende le armi allo Yemen per ammazzare dei bambini, come fa l’Europa a essere coerente?”.

In conclusione papa Francesco torna a chiedere maggior dialogo. Solo così, a suo dire, ci sarà “laboratorio umano”. “Se è umano è con la mente, il cuore e le mani – conclude – e così si firmano dei patti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *