Rieccolo, Casarini: è lui la prova della manovra rossa pro clandestini

 

Ora è l’immigrazione il tema caldo con cui riprendersi la ribalta della scena nazionale. Avevamo lasciato Luca Casarini, veneziano, 51 anni, come leader dei No Global di Genova, capo dei Disobbedienti dopo essere passato per vari gruppi antagonisti. Poi, come candidato della lista “l’Altra Europa con Tsipras” alle Europee del 2014. Trombato. Ecco chi è il capo missione della Mare Jonio, l’imbarcazione della ong Mediterranea Saving Humans che sta sfidando il governo italiano, dopo avere soccorso in acque internazionali 49 persone che si trovavano a bordo di un gommone in avaria. E che ora è arrivata a Lampedusa.

Da antagonista a buonista
Storico leader dei no global italiani e dei Disobbedienti del G8 a Genova, Casarini nasce a Mestre l’8 maggio 1967. Figlio di operai, trascorre l’infanzia tra Carpenedo e Monselice e si diploma a Padova. Negli anni ’80 si “accasa” negli ambienti antagonisti di sinistra prima presso il centro sociale ‘Pedro’ di Padovapoi al ‘Rivolta’ di Porto Marghera.

Casarini diventa leader delle ‘Tute Bianche’, movimento nato all’interno dei no global, poi diventato ‘Disobbedienti’. Da capo del movimento si fa portavoce di diverse azioni di protesta come quella contro la Costituzione Europea, la guerra in Afghanistan e in Iraq e la costruzione della nuova base Usa a Vicenza. Ma è la contestazione del G8 di Genova a farlo salire agli onori – si fa per dire – della cronaca nella veste di portavoce e leader dei Disobbedienti.

Casarini, coccolato dalla sinistra radicale
Coccolato dalla sinistra, stato candidato nel 1999 alle elezioni comunali di Padova, Casarini è consulente dell’ex ministro per la Solidarietà Sociale Livia Turco durante il primo governo Prodi. La vicinanza alla politica resterà una costante nella sua vita. Nel 2014 si candida al Parlamento Europeo nella lista L’Altra Europa con Tsipras nella Circoscrizione Italia centrale ma non viene eletto. L’anno seguente entra a far parte della presidenza nazionale di Sel, il partito guidato da Nichi Vendola. E nel 2017 viene eletto segretario regionale in Sicilia sempre con Sel.

Nel 2008 si mette in proprio, apre una partita Iva e avvia un’attività di coworking. Da anni vive a Palermo, dove si è trasferito con la famiglia, la moglie (figlia di Toni Negri) e due figli. Ma il virus da “disobbediente” è un vizio ero a morire. L’anno scorso con la ong Mediterranea Saving Humans e la Mare Jonio si è messo in mare, in prima linea per salvare vite umane. Dice lui. Di fatto favorendo l’immigrazione clandestina.Da antagonista a buonista.

 

Fonte: https://www.secoloditalia.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *