Insulti, minacce, giornali. Non lo ferma nessuno. Dritto come un treno. L’annuncio di Salvini.

Qualcuno vorrebbe fermarlo. Ma nessuno riesce a fermarlo. Ci provano. Prima con la manovra, poi la stangata di Bruxelles, le elezioni europee in vista e come se non bastasse la polemica con il procuratore Armando Spataro.

Si può ben dire che giornate di Matteo Salvini sono molto intense e pesanti. E qualcuno addirittura ha vociferato dietro le quinte che il Ministro leghista starebbe per mollare. Macché.

Secondo quanto riferiscono fonti della Lega il ministro dell’Interno si sarebbe sfogato con i suoi: “La presa di posizione degli industriali e degli artigiani Matteo l’ha accusata. In pubblico tiene botta e risponde ma non è che sia contento”.

“Si sente un po’ accerchiato…”, dicono le stesse fonti al Corriere della Sera. E comincia ad accusare la stanchezza: “Un motore non può girare sempre a un milione di giri”.

Ecco che però compaiono le dichiarazioni del vicepremier che zittiscono i malpensanti. Su Twitter scrive: “Io non mollo, nessuno mi spaventa, minacce dei mafiosi, insulti, giornali”.

E nelle difficoltà in cui si trova in questo momento diventa fondamentale la partecipazione alla manifestazione di sabato in piazza del Popolo a Roma, per cui Salvini ha già un chiarissimo obiettivo: “Mi piacerebbe che ci fossero 100 mila persone”.

Il messaggio dell’evento rispetto all’inizio è cambiato. Ora lo slogan è “dalle parole ai fatti”, ergo è il governo che non urla più ma mantiene le sue promesse.

Messaggio forte e chiaro. Nessun passo indietro o getto di spugna. Salvini va avanti e non lo ferma più nessuno.

Fonte: Libero

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.