Pedofilia, il cardinale Pell “in serio pericolo di vita”: resta in isolamento

Il cardinale George Pell resterà in isolamento perché “in pericolo di vita”.

Stando a quanto riferisce l’edizione odierna di The Australian, l’ente statale responsabile delle carceri Corrections Victoria starebbe esaminando la tempistica relativa al trasferimento del prelato da una struttura di massima sicurezza a una prigione più permanente. In tal senso vi sarebbero due ipotesi: la prima vedrebbe coinvolta una delle due strutture nell’entroterra del Victoria in cui vi sono criminali sessuali e detenuti di bassa sicurezza; la seconda riguarderebbe la prigione di minima sicurezza di Langi Kai Kal.

I problemi di Pell
Corrections Victoria ha avvertito che il cardinale è “a serio rischio a causa del tipo di reati e del suo alto profilo”. Ieri il giudice Peter Kidd, al momento della lettura della sentenza, ha dichiarato: “Come rileva l’affidavit, vi sono preoccupazioni per la notorietà del condannato per e la natura di profilo estremamente alto della causa. Questo solleva preoccupazioni di sicurezza. Sono consapevole che il tempo in prigione sarà impattato materialmente e negativamente a causa di questi fattori. La posizione del condannato è legata all’età avanzata e alla conseguente vulnerabilità Il condannato potrebbe non vivere fino all’esaurimento della pena”. I problemi di salute di Pell riguardano disturbi cardiaci, ipertensione e insufficienza cardiaca congestizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *