Grasso usa pure i ragazzini pur di mandare Salvini a processo

“E se un ministro sequestrasse degli studenti?”. Pietro Grasso ora usa persino dei ragazzini pur di mandare Matteo Salvini alla sbarra per il caso Diciotti.

L’ex presidente del Senato e leader di Leu ha pubblicato sulla sua pagina Facebook uno spot in cui mostra un finto servizio giornalistico in cui si annuncia la liberazione di 177 studenti dell liceo Ubaldo Diciotti. “Immaginate se un ministro dell’Interno trattenesse in una scuola 177 ragazzi e ragazze per costringere le associazioni studentesche a interrompere delle pacifiche proteste contro una riforma dell’Istruzione”, scrive, “Immaginate che si giustifichi dicendo: ‘Sto solo attuando un punto irrinunciabile del mio programma di governo’. Immaginate che, dopo lunghe trattative, e solo dopo aver ottenuto dalle associazioni studentesche la rinuncia a qualunque rivendicazione, il ministro decida di liberare quei 177 studenti. Non sarebbe forse un sequestro di persona? Non sarebbe gravissimo? La stessa cosa – con protagonisti diversi – è accaduta con il caso Diciotti”.

Per Grasso – che ha messo a disposizione di tutti la sua relazione di minoranza – impedire il processo a Salvini “autorizzerà in futuro un Ministro a utilizzare qualsiasi mezzo, anche il peggiore, per raggiungere il proprio fine politico – a costo della libertà personale, di quella di espressione o di pensiero di qualcuno di noi – senza temere conseguenze sul piano giudiziario”. “Il 20 marzo il Senato vota sull’autorizzazione a procedere nei confronti del Ministro Salvin”, ha sottolineato, “Vogliamo davvero creare un precedente così pericoloso? Il caso Diciotti non è il caso Salvini, è molto di più”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.