Tenta lo stupro: la ragazza è un’atleta di kickboxing e si difende rompendogli in naso

Sesso debole? A L’Aquila una donna, atleta di kickboxing, si è difesa da uno stupro rompendo il naso al suo aggressore

L’AQUILA – Avrebbe sfoderato le sue qualità di atleta di kickboxing sferrando un colpo che gli ha rotto il naso,

così dunque una donna si sarebbe difesa da una terribile aggressione, almeno secondo quanto scrive il quotidiano AbruzzoWeb Protagonista una giovane aquilana che nella notte tra sabato e domenica sarebbe stata vittima di un tentato stupro nei giardinetti tra viale Ovidio e viale Gran Sasso, all’Aquila.

Un dettaglio emerso dopo dell’arresto dello straniero, un 28enne eritreo riconosciuto dalla ragazza, che i carabinieri hanno rintracciato nel giro di poche ore.

I militari del Nucleo radiomobile, in collaborazione con i colleghi della stazione dell’Aquila, lo hanno individuato e rinchiuso nel carcere Le Costarelle, con l’accusa di violenza sessuale aggravata. Si tratta di un giovane senza fissa dimora, che ha frequentato anche una comunità di recupero. Sempre secondo quanto riportato da AbruzzoWeb, l’uomo sarebbe arrivato in Italia nel 2017 come rifugiato politico e sarebbe affetto da disturbi psichici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *