Mattarella non ha il piano B. Se il governo cade, si vota

Sorrisi, cordialità, tanti selfie nel Salone dei Corazzieri con le invitate per la festa dell’otto marzo.

Il governo balla parecchio, lunedì può cadere, ma Giuseppe Conte cerca di cancellare, quasi di esorcizzare il braccio di ferro violento sulla Tav che sta dilaniando la maggioranza: «Non ci sarà nessuna crisi, presidente, ne sono sicuro. Sarebbe assurdo». Sergio Mattarella non gli risponde. Forse pure lui la pensa così, spera che in qualche modo lo scontro rientri in fratta e si trovi una soluzione che riavvii i lavori salvando la faccia ai grillini. Anche perché al momento dal Quirinale un’alternativa non si vede: se i gialloverdi implodono, toccherà tornare al voto in primavera. Intanto però l’alta velocità deve ripartire. «Sono necessarie – avverte – delle politiche pubbliche volte ad ampliare la base occupazionale».

Loading...

Dopo lo «stupore» e lo «sconcerto» per l’ultima puntata della telenovela Torino-Lione, ora gli umori registrati sul Colle tendono alla «forte preoccupazione». Vista da lassù, la disputa appare davvero surreale e «difficile da capire». Mattarella è costretto a muoversi con circospezione. «È ancora tutto avvolto nella nebbia più fitta», dicono. Se i cantieri venissero chiusi, il danno economico e di reputazione internazionale dell’Italia sarebbe enorme: penali da pagare, fondi europei persi, rapporti commerciali con i francesi rovinati. Ce lo possiamo permettere? Senza contare che soltanto grazie a Mattarella è stata tamponata a fatica la crisi diplomatica con Parigi provocata dagli incauti incontri di Luigi Di Maio con l’ala violenta dei gilet gialli. E senza parlare dell’isolamento politico in cui finirebbe il Paese. E del «diritto» negato ai cittadini di contare su infrastrutture moderne e veloci. È stata fatta, si chiedono al Quirinale, «questa analisi costi-benefici»?

Dunque la situazione è molto seria ma per fortuna ancora aperta. Mattarella ha deciso di affrontarla alla sua maniera, sotto traccia, con contatti riservati e pochi interventi pubblici. Gli animi sono troppo surriscaldati, Salvini e Di Maio continuano ad azzuffarsi e le posizioni sembrano inconciliabili. Serve «prudenza», perché una parola in più potrebbe far precipitare le cose. Così l’unico accenno esplicito del presidente alla questione Tav, annacquato in mezzo al discorso per l’otto marzo, è quella frase che invita a preoccuparsi dei posti di lavoro.

C’è poi un certo allarme per le conseguenze politiche della prova di forza Lega-Cinque stelle, con la crescita deludente e la manovra correttiva sullo sfondo. Giovedì si era aperto uno spiraglio, ieri i toni si sono rialzati. Magari è solo fumo, magari stanno cercando una soluzione che non umili nessuno, però per la prima volta Salvini e Di Maio hanno cominciato a polemizzare direttamente e con durezza e, sempre per la prima volta, si è ipotizzata una crisi di governo. E la storia della Repubblica italiana insegna che quando i partner di una maggioranza iniziano a litigare, nessuno può sapere come andrà a finire. Se lo scontro sale troppo di intensità, poi è difficile «rimettere dentro il dentifricio».

In questo caso il problema sta nell’assenza di alternative praticabili. Il Quirinale insomma non ha un piano B. Se la barca Conte andrà per scogli, anche al di là della volontà dei nocchieri, sarà quasi impossibile riuscire a mettere in piedi un’altra maggioranza. Niente governi tecnici, nessun esperimento spericolato. C’è, in teoria, la possibilità di una coalizione di centrodestra Lega-Forza Italia, FdI, con il contributo di volenterosi e fuorusciti da M5S. Ma, oltre ai dubbi del Colle, Matteo Salvini non sembra interessato a una simile soluzione «naturale». Piuttosto, preferisce andare alle urne e capitalizzare il trenta-trentacinque per cento che gli assegnano i sondaggi per presentarsi poi al prossimo giro con il doppio dei parlamentari raddoppiata. A quel punto sarebbe lui a dare le carte.

 

Fonte: http://www.ilgiornale.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *