Quando le “anime belle” s’incazzano è perché si sono pestati i calli giusti

loading...

Argomenteremo traendo spunto dall’assurda polemica fra la Lucarelli e Le Iene, queste ultime colpevoli di aver sollevato dubbi circa la colpevolezza dei coniugi di Erba, in merito ad una delle vicende processuali oggettivamente più discusse della cronaca giudiziaria nazionale. Non a caso ci siamo occupati di questo e di altri esiti processuali “sospetti” in uno specifico articolo relativo a fatti di sangue eclatanti ove, per dritto o per sguincio, erano stati coinvolti degli immigrati, ma poi alla fine sono stati condannati, soprattutto mediaticamente, degli Italiani.

loading...

Ebbene, questa nuova polemica attorno al caso di Erba è la prova del 9 ai nostri sospetti: dov’è finito, infatti, il cronico perdonismo del sinistrume a favore dei cattivi del film?! Come mai una buonista d.o.c. come la Lucarelli decide di censurare la libera e democratica espressione di “pietas” delle Iene a favore di due anziani carcerati che non farebbero più paura a una mosca?

loading...

Ve lo diciamo noi perché: la coppia Romano, al netto delle sue responsabilità penali, è un concentrato di elementi tipicamente in odio ai radical-chic: Rosa e Olindo sono italiani, sono due popolani, sono fortemente eterosessuali; e sono due innamorati di quell’amore antico e tradizionale pericolosissimo agl’occhi dei seguaci del Dogma globalista. Di contro, gli “scagionati” della strage di Erba sono tutti stranieri, ad iniziare dal primo soggetto incriminato, per finire ad Azouz Marzouk (non esattamente un conventuale) e alle sue frequentazioni esotiche delle quali sono zeppi i verbali del processo. Ecco perché in tanti hanno il terrore che il caso venga riaperto.

La verità è che l’odio antinazionale covato da certi buonisti di professione sconfessa l’indole partigiana e rabbiosa del loro “buon cuore”, accogliente ed ecumenico solo con chi ha la carnagione giusta per meritarne l’afflato. Parimenti, a fronte di commemorazioni nevrotiche e stucchevoli quanto astratte, come quelle per “le vittime del mare”, quando c’è da commemorare una vittima tangibile, con tanto di nome, cognome e aguzzini in galera, si preferisce “evitare” per non alimentare il razzismo. Sbeffeggiano come “bufale” le notizie di Italiani morti assiderati o di disperazione. Non accettano opinioni diverse dalle loro; e quando chi ne è foriero arriva democraticamente a governare, s’incazzano. Se questa è la loro bontà, non osiamo immaginare come possa essere la loro cattiveria.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.