Macron si vendica: non prende più gli immigrati della Sea Watch

La vendetta di Emmanuel Macron si consuma il giorno dopo lo strappo diplomatico.

Con un dietrofront improvviso e inaspettato, il numero uno dell’Eliseo ha infatti fatto sapere di aver cambiato idea sugli immigrati che si trovavano a bordo della Sea Watch 3. Non li ospiterà in Francia. “Sono immigrati economici”, hanno fatto sapere da Parigi rompendo così l’accordo preso a livello europeo per convincere il ministro dell’Interno Matteo Salvini a far attraccare in Sicilia la nave della Ong tedesca.

“Dei 47 migranti della Sea Watch in Italia ne resteranno uno o due”. Dopo oltre dieici giorni di un estenuante braccio di ferro con l’Unione europea, Salvini era riuscito a portare a casa un importate risultato facendo sì che il peso dello sbarco non gravasse soltanto sull’Italia. Alla fine l’accoglienza degli stranieri avrebbe dovuto essere ripartita tra otto Paesi: Germania, Lussemburgo, Francia, Romania, Spagna, Portogallo, Lituania e Malta. Ad ogni Paese sarebbe, appunto, toccato un certo numero di immigrati. All’Italia ne sarebbero dovuti rimanere, appunto, soltanto un paio. E non più tutti come accadeva quando al governo c’era il Partito democratico. Ora, però, si viene a sapere che questo accordo è carta straccia. Non per tutti. Lo è per i francesi che, secondo quanto fanno sapere dal Viminale, hanno “cambiato idea” decidendo che non accoglieranno più i migranti della Sea Watch3. Parigi ha, infatti, fatto sapere al ministero dell’Interno italiano che “prenderà solo persone che hanno bisogno di protezione e non migranti economici”.

Il tempismo della decisione sorprende. Solo ieri, infatti, la Francia aveva richiamato l’ambasciatore a Roma, Christian Masset, “per consultazioni” dopo che “per vari mesi la Francia è stata soggetta ad attacchi infondati e senza precedenza, dichiarazioni oltraggiose” dei leader italiani. Una mossa senza precedenti che arriva al culmine di una tensione diplomatica sull’asse Roma-Parigi. E, nonostante Salvini si sia detto disposto a incontrare Macron per provare a “voltare pagina”, oggi da Parigi è arrivato l’ennesimo sgambetto che, di fatto, obbliga il Viminale a dover gestire anche gli immigrati di cui i francesi avevano promesso di farsi carico. Una ritorsione, insomma, che suona ancor più amara se si leggono le promesse dei francesi ad aiutare il nostro governo a chiedere rimpatri più efficaci in alcuni Paesi africani, a partire dal Senegal. Al Viminale non resta che prendere atto di questa ritorsione: “Anche i francesi non vogliono clandestini. Ora – fanno sapere – ci si aspetta che Parigi dimostri con i fatti la sua buona volontà, collaborando per rimpatriare al più presto decine di senegalesi irregolari che si trovano in territorio italiano”. Ma, da qui alle elezioni europee del prossimo maggio, non ci si può aspettare più niente di più da Macron, se non altri colpi bassi.

ilgiornale.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.