Categories: CRONACA
| On 6 mesi ago

CLANDESTINO IRROMPE IN OSPEDALE E ACCOLTELLA DONNA INCINTA: MORTO IL BIMBO CHE SI APPRESTAVA A PARTORIRE

By Admin

I “fatti di Bad Kreuznach” hanno subito innescato duri attacchi nei confronti di Angela Merkel sia da parte degli avversari della cancelliera sia da parte di alcuni alleati di governo dell’ex leader Cdu.

In Germania si è riaccesa in questi giorni la polemica circa gli effetti delle politiche attuate negli ultimi anni dalla Merkel in ambito migratorio.

Feroci critiche all’indirizzo della cancelliera sono state infatti provocate da un recente episodio di volenza che vede coinvolto uno straniero residente nel Paese.

La vicenda ha avuto luogo nella cittadina di Bad Kreuznach, vicino Magonza. Una donna incinta di origini polacche, ricoverata nell’ospedale cittadino, è stata prima “insultata” e poi “accoltellata” da, a detta dei testimoni, “un soggetto dai tratti arabo-mediorientali”. Il raptus dell’immigrato ha provocato “lesioni gravissime” alla gestante venticinquenne, la quale, dopo essere stata soccorsa dal personale infermieristico, è stata subito “ricoverata in terapia intensiva”. Costei verserebbe attualmente in condizioni “quasi disperate”. Per il bambino che la donna portava in grembo, invece, non c’è stato niente da fare. I fendenti vibrati dallo straniero hanno infatti arrestato immediatamente ogni funzione vitale nel feto.

Dopo avere compiuto il folle gesto, il presunto colpevole è fuggito dall’ospedale per dirigersi verso la stazione ferroviaria cittadina. La polizia lo ha infine fermato poco prima che egli riuscisse a salire su un treno. L’individuo finito in manette sarebbe, in base alle prime informazioni filtrate da ambienti vicini alle forze dell’ordine, un “richiedente asilo afghanoventicinquenne”. Quest’ultimo è stato quindi incriminato da un tribunale locale per “tentato omicidio”, “aggressione” e “illegale interruzione di gravidanza”.

L’arresto del migrante ha subito innescato duri attacchi nei confronti della Merkel sia da parte degli avversari della cancelliera sia da parte di alcuni alleati di governo dell’ex leader Cdu. I nazionalisti di AfD e diversi esponenti cristiano-sociali bavaresi si sono infatti ritrovati concordi nell’addossare la “responsabilità” dei “fatti di Bad Kreuznach” alla “scriteriata linea dell’accoglienza” perseguita dalle autorità di Berlino a partire dal 2015. In particolare, uno degli alleati della Merkel divenuto, all’indomani dell’arresto dell’Afghano, uno dei più feroci critici di quest’ultima è Gerd Müller, membro della Csu nonché attuale ministro per lo Sviluppo e la Cooperazione economica. Egli ha infatti accusato pubblicamente le decisioni prese finora dalla cancelliera in ambito migratorio come “dannose per la sicurezza dei cittadini tedeschi”.

Admin