Mangiarsi le unghie è un disturbo mentale?

Il diffuso e classico mangiarsi le unghie da semplice “vizio”, secondo gli psichiatri potrebbe essere presto elevato al rango di disturbo ossessivo-compulsivo al pari di una malattia mentale.*

Chi non ricorda se stesso o di qualcuno con le dita in bocca intento a rosicchiarsi le unghie? E’ un’immagine che ricorre spesso, soprattutto tra i banchi di scuola, e che ha accompagnato generazioni e generazioni.
Oggi, però, un’ombra di morbosità pare possa calare su quello che, da sempre, è stato considerato poco più che un “vizio” che con il tempo sarebbe passato – almeno nella maggioranza dei casi.

Secondo l’American Psychiatric Association, infatti, l’onicofagia (così come è chiamato questo tipo di comportamento) potrebbe entrare a buon diritto nell’olimpo delle malattie mentali come disturbo ossessivo-compulsivo.
Gli psichiatri ritengono che questo accanirsi sulle povere unghie, fino ad arrivare alla carne delle dita, sia da considerare al pari di un vizio da cui è difficile staccarsi – anche peggio che il vizio del fumo.
Il mangiarsi le unghie potrebbe pertanto presto andare a far parte della nuova edizione del “Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders” (DSM), che sarebbe una sorta di bibbia dei disturbi mentali cui fanno riferimento medici, psicologi e psichiatri di tutto il mondo.

Attenzione dunque quale tipo di “dieta” seguiamo, evitando di includervi anche le unghie che, in fondo, non sono poi così appetitose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.