Attenzione: l’aglio importato dalla Cina è pieno di candeggina e pesticidi! Ecco come riconoscerlo

La cina è uno dei maggiori esportatori di aglio in tutto il mondo. L’ 80% dell’ aglio venduto in tutto il mondo è cinese! Quindi c’è una buona probabilità che esso finisca nei nostri piatti, un prodotto per nulla sano ne sicuro per la nostra salute.

Una buona parte dell’ aglio prodotto in Cina è considerato tossico. Gli agricoltori cinesi infatti, per stimolare ed aumentare la loro produzione, utilizzano prodotti chimici, pesticidi ed effettuano trattamenti sui loro prodotti che in Europa sono severamente vietati.*

Teniamo a precisare che i pesticidi purtroppo,vengono utilizzati da moltissime aziende agricole, cinesi e non, anche italiane, ma il trattamento particolare che i cinesi effettuano sul loro aglio è un qualcosa di assurdo.

Non si vuole fare di tutta l’erba un fascio, ma è stato dimostrato che buona parte dell’ aglio cinese viene sbiancato artificialmente con la candeggina.
Questo perchè la candeggina allontana e uccide gli insetti fungendo da pesticida, e aiuta a rendere più bianco il bulbo dell’ aglio, per questo viene usata dai cinesi per eliminare le macchie di sporco, anche se naturali.

Per non parlare poi dell’ inquinamento e della contaminazione che in Cina sono dei problemi enormi. La Cina infatti è uno dei paesi più contaminati ed inquinati del mondo, sia per quanto riguarda il suolo sia per l’atmosfera.
A causa di ciò il suolo cinese contiene un elevato livello di metalli pesanti, come per esempio piombo, ’arsenico e cadmio.Per proteggere la nostra salute sarebbe meglio eliminare questo aglio dalla dieta, per farlo bisogna imparare a riconoscerlo.Come riconoscere l’aglio cinese
Radici e stelo. Se vi trovate di fronte ad un aglio in cui sono stati rimossi radici e stelo, vi è una buona probabilità che provenga dalla Cina. Vista la massiccia esportazione, i cinesi rimuovono radici e stelo dall’ aglio da esportare per ridurre il peso e risparmiare spazio e denaro durante la spedizione.
Peso. L’aglio cinese contiene una maggiore quantità d’acqua rispetto a quello italiano, quindi risulta essere più leggero.
Gusto. L’aglio cinese ha un gusto meno intenso di quello italiano. Inoltre lascia un retrogusto amarognolo quasi metallico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.