Categories: CRONACA

50 italiani chiedono asilo in chiesa, Caritas sbarra le porte: “Noi aiutiamo solo immigrati”, al freddo da 5 notti

Ormai da cinque giorni, una quarantina di persone – adulti e bambini – italiani, vivono sul sagrato del Duomo di Catania. Persone, italiani, che sono lì per chiedere a gran voce «che vengano mantenute le promesse che il sindaco Bianco, PD, ci ha fatto ormai quattro anni e mezzo fa – ha spiegato uno di loro, Salvatore Cutrona – ovvero case, lavoro, la sistemazione delle famiglie disagiate e dei quartieri stessi. Bianco è stato eletto con i voti dei quartieri – ha proseguito Cutrona – infatti le 25 famiglie che protestano vengono da Librino, Pigno, Villaggio Sant’Agata, San Giorgio e San Cristoforo – promesse di cui abbiamo ancora le registrazioni, ma risultate fini a se stesse. Siamo qui da giorni senza mangiare né bere e siamo disperati: abbiamo chiesto più volte di essere ascoltati, ultima spiaggia era rivolgersi alla Chiesa, perché non abbiamo casa, tanto meno quelle promesse, e nessun posto dove andare».*

Ma anche la Chiesa li ha respinti

«Papa Giovanni aveva detto “aprite le porte, spalancate le porte di Dio”, monsignor Scionti le porte le ha chiuse – ha accusato Pietro Giglio – il parroco di Sant’Agata ha mostrato la sua diffidenza nei nostri confronti, ha negato le coperte ai bambini, ci ha buttato fuori, non ci ha neanche dato un bicchiere d’acqua per prendere le medicine». Lo ha confermato la moglie di Pietro, Carmela Porto: «Io sono diabetica e non mi sto curando a dovere, ma per una buona causa, per la nostra dignità».

Che differenza rispetto a quando aprono le porte ai nuovi membri africani:

«Il 29 novembre un gruppo di noi ha passato la notte in Cattedrale – ha spiegato Giusi Tirelli – salvo essere buttati fuori la mattina dopo dal parroco. Adesso dentro è rimasta solo una persona, mia zia, Aurora De Luca, che non ha certo intenzione di uscire. Continuerà la nostra battaglia dall’interno della Cattedrale. Li la trattano bene, ma è a noi che il prete ha dato disposizioni di non darci nulla da bere e da mangiare. Un nostro rappresentante si è rivolto alla Caritas, ma gli hanno risposto che aiutano solo gli immigrati, perché i fondi ci sono solo per loro. Qui abbiamo anche bambini, una quindicina, e molti di loro hanno tosse e febbre». «Siamo stati aiutati solo dai volontari e dalla gente povera come noi – ha chiosato Giglio – resteremo qui finché Bianco non manterrà le promesse di quattro anni fa».

Admin

Share
Published by
Admin

Recent Posts

La Merkel ci manda i migranti: “Storditi e sedati sull’aereo”

Berlino nel silenzio generale dell’Europa ci rimanda indietro i migranti “dublinanti”. Una vera e propria sfida al governo italiano che va…

3 ore ago

Il delirio del prete anti-Salvini: “Bisogna uccidere il ministro”

“Ammazzate Salvini” non è l’uscita violenta, che sarebbe comunque grave, di qualche oppositore, o antagonista esaltato, che non sa più cosa…

4 ore ago

Richiedente asilo tenta di stuprarla. Così il papà ha salvato la figlia 13enne

E le manette sono scattate ai suoi polsi con l’accusa di “atti sessuali con minore”. Il 29enne della Guinea, arrestato oggi…

4 ore ago

“Vai a fare la casalinga…” E la Meloni zittisce il dem

Botta e risposta durissimo tra Giorgia Meloni e il segretario del Pd di Adria. Giovanni Vurchio infatti ha deciso di commentare un posto…

4 ore ago

L’Anpi contro la via al carabiniere eroe: “Collaborava con Mussolini”

C'è dibattito a Monguzzo, in provincia di Como, dove lo scorso marzo l'Associazione Nazionale Carabinieri ha chiesto e ottenuto una via…

5 ore ago

“Siete una coppia gay?”. E la proprietaria di casa gli nega l’appartamento

Si sono visti negare l'affitto dell'appartamento perché sono gay. Il fatto assurdo è avvenuto a Pavia proprio durante la quinta edizione del Pride. "Pavia…

5 ore ago