Così la Botteri è pagata per nasconderci la verità: Rai, ennesimo scandalo sull’inviata rossa da New York

Un attacco durissimo, come pochi ce ne sono stati nei tanti anni in cui Giovanna Botteri è stata (com’è oggi) l’indiscussa reginetta dei collegamenti dagli Usa su Rai3. E’ quello che appare oggi sul quotidiano economico Italia Oggi, dove un pregevole articolo a firma di Alessandra Nucci svela il retroscena della guerra fatta dai democratici al candidato alla Corte Suprema Brett Kavanaugh e tutto ciò che nei giorni successivi ha di fatto smentito o ridimensionato in maniera significativa la “drammatica” testimonianza della sua accusatrice Christine Blasey Ford davanti alla commissione del senato e a tutti gli Stati Uniti.

Tutte cose, scrive Italia Oggi, che la tv in Italia non ha nè detto nè mostrato. Sicuramente, non lo ha fatto Giovanna Botteri nei suoi collegamenti su Raitre. “Da lei – scrive Italia Oggi – gli italiani hanno saputo solo che l’accusatrice aveva avuto coraggio ed era provata, e che le donne stavano manifestando ovunque nel Paese”. Falso pure quello, come ha rivelato la rivista Time, secondo cui “mentre le precedenti proteste avevano incluso al massimo qualche centinaio di attiviste dello zoccolo duro, alla manifestazione di giovedì (quella a cui c’erano anche alcune star del cinema come Emily Ratajkovski e Amy Schumer, ndr) c’erano mille persone”. Che in un Paese di 300 milioni di persone non sono esattamente una folla, conclude Italia Oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.