Renzi: “Salvini restituisca i 48 milioni”. E suo cognato restituisca i 6 milioni ai bambini poveri dell’Africa

Ecco cosa diceva il leader del PD (Partito Defunto) Matteo Renzi il 4 luglio scorso al Messaggero sulla sentenza della Cassazione che ha ordinato di sequestrare i fondi del Carroccio: «La Lega Nord deve 48 milioni di euro ai cittadini italiani lo dice una sentenza, lo dicono i giudici non lo dice un senatore del partito democratico».

«Questo grande richiamo all’onestà sembra venire meno. Avevano promesso che sarebbero venuti in Parlamento a riferire. Stiamo aspettando che il ministro Salvini venga a raccontare che fine hanno fatto i soldi della Lega. Nel frattempo che è impegnato a chiudere i porti bisognerebbe che aprisse il portafoglio perché quei soldi non sono della Lega sono dei cittadini».

Ora il pagliaccio di Firenze chiederà ai bravi cognatini di restituire i 6,6 milioni di dollari destinati ai poveri bambini affamati dell’Africa?

Firenze, 9 ago – “Aiutiamoli a casa loro” è un concetto che non sembra mai essere piaciuto alla sinistra. Forse perché una parte degli aiuti per l’Africa finivano a tutto tranne che nel continente nero? Ne sembra convinta la Procura di Firenze, che sta indagando su un giro di denaro che arriva a coinvolgere anche Matteo Renzi.

Ridotto l’ex premier a “senatore semplice”, del cosiddetto Giglio Magico – la cricca di soggetti che ruotavano attorno al fu sindaco di Firenze – si continua invece a parlare. Protagonisti, questa volta, sono i fratelli Conticini, che stando alle accuse degli inquirenti avrebbero dirottato cospicui fondi destinati all’aiuto dei bambini africani.

I capi d’imputazione sono pesanti: si va dall’autoriciclaggio all’appropriazione indebita aggravata e toccano anche Andrea Conticini (indagato per riciclaggio), noto alle cronache per essere nientemeno che il cognato di Renzi. Stando a quanto ricostruito dagli uomini della Guardia di Finanza, i fondi provenivano dalle raccolte di beneficenza dell’organizzazione Play Therapy Africa. Si parla di almeno 6 milioni di euro, che invece che finire nel sostegno allo sviluppo del terzo mondo venivano impiegati in investimenti in società e in immobili, oltre all’acquisto di quote di società (come la Eeventi 6 e la Quality Press) legate proprio alla famiglia Renzi. Alla faccia della cooperazione internazionale.

Di Nicola Mattei

con fonte Il Primato Nazionale

Redazione riscatto nazionale.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.