Matteo Salvini chiude un’altra importante battaglia. E il Pd scappa dall’aula parlamentare.

Divisione nel Pd tra quelli che hanno votato a favore e contro l’aiuto inviato in Libia per bloccare i trafficanti.

I trafficanti hanno finito di trasportare merce umana solo per uno sporco guadagno. Il business dei migranti, almeno per ora, sembra essersi fermato. E non è finita qui.

Leggiamo su Il Giornale:

Ora l’ultimo risultato da raggiungere nella battaglia per il contenimento dell‘immigrazione a breve raggio, ovvero sotto costa, è la lotta ai trafficanti di uomini. Una tappa fondamentale prima di passare al contenimento a medio e lungo raggio, due fasi che richiedono operazioni per il ripristino delle frontiere meridionali della Libia e interventi nei paesi d’origine dei migranti e sulle rotte dei flussi migratori in partenza dall’Africa Sahariana.

Lo sradicamento dei trafficanti di uomini ha una doppia funzione. Eliminare il terminale d’arrivo al Mediterraneo equivale a tagliare la testa al serpente. Senza quel trampolino, indispensabile per spiccare il salto verso l’Europa, diventano infruttuosi tutti gli altri segmenti del contrabbando umano gestiti dalle organizzazioni impegnate sulle rotte del traffico.

Tagliare la testa del serpente è indispensabile anche per rafforzare il governo di Tripoli guidato da Fayez Al Serraj. I milioni di dollari in contanti generati dal traffico di umani alimentano infatti milizie e gruppi fondamentalisti che impediscono all’esecutivo di Tripoli di esercitare la propria autorità. 

Ottimi risultati l’Italia ha potuto ottenerli grazie alla nuova collaborazione con Washington. Sì, perchè Trump ha assicurato a Conte che il piano di distruzione traffico umano che parte dalla LIbia sarà fermato anche con l’aiuto degli USA,

Una vittoria schiacciante per il Ministro dell’Interno che ora può decretare la fine del Pd.

Fonte: ilgiornale

Foto: tviweb

Fonte: https://adessobasta.org/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.