Iva, il piano segreto del governo: sì all’aumento per i generi di lusso

Il dossier –  a dar retta a Repubblica – è sulla scrivania del ministro Giovanni Tria, l’uomo cui è affidata la missione di far quadrare i traballanti conti dello Stato, e conterrebbe una soluzione grazie alla quale il governo potrebbe adottare un aumento selettivo dell’Iva (le clausole di salvaguardia sono pronte a scattare dal 1 gennaio 2019 se non si trovano 12,5 miliardi di euro a copertura del deficit in eccesso) con cui riuscire addirittura a rastrellare circa 4,5 miliardi da destinare ad una delle tante misure promesse in campagna elettorale, flat tax e reddito di cittadinanza su tutte.

L’Iva verrebbe ridotta sui servizi essenziali

Nella maggioranza giallo-verde se ne parla da tempo ma, al momento, il suo contenuto è ancora classificato come top secret. E si capisce dal momento che, sotto il profilo della comunicazione, il primo passo da fare consiste nell’ammettere che l’aumento dell’Iva non è più un tabù. Sotto questa luce, quindi, non stupisce che Luigi Di Maio abbia addirittura bollato l’idea di un incremento caso per caso dell’imposta come «fake news». Ma più si cerca di tenere riservato il piano, più si moltiplicano i boatos di Palazzo facendone emergere i dettagli. Secondo i più recenti ed attendibili, il governo si appresterebbe a far scattare l’aumento dell’Iva per 8 miliardi e di utilizzare i restanti 4,5 per ridurre l’aliquota dell’imposta sui consumi che maggiormente pesano sulle fasce meno abbienti. Il ribasso riguarderebbe servizi come elettricità e acqua sulle cui bollette l’Iva oggi grava mediamente per il 10 per cento. Se il piano top secret andasse in porto, invece di salire all’11,5 per cento, scenderebbe a 4.

Dall’incremento selettivo si ricaverebbero 4,5 miliardi

Lo stesso avverrebbe con gas e telefono, oggi al 22 per cento: piuttosto che impennarsi al 24,5, l’Iva precipiterebbe al 4 per cento. Gli 8 miliardi di aumento, invece, verrebbero tutti dai prodotti di lusso senza rischi per l’inflazione. Anche perché dei 110 miliardi di gettito Iva, solo 60 gravano sulle famiglie. Il resto arriva da crediti dello Stato, pubbliche amministrazioni e via elencando. Il problema, esclusivamente politico, semmai scatterà dopo e dovrà stabilire chi, tra Salvini e Di Maio, si aggiudicherà il tesoretto di 4,5 miliardi. Flat tax o reddito di cittadinanza? Il dilemma è tutto qui.

Fonte: http://www.secoloditalia.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.