PER MATTEO RENZI BRUTTE NOTIZIE , AD INTERVENIRE E’ IL MINISTRO DELLA DIFESA: ECCO COSA HA ANNUNCIATO

Loading...

Ministro Trenta: ‘Oggi si chiude del tutto la storia dell’Airbus di Matteo Renzi’

“Oggi si chiude del tutto la storia dell’Airbus di Matteo Renzi, un aereo costato complessivamente 150 milioni di euro in 8 anni”.

Lo ha annunciato il ministro della Difesa Elisabetta Trenta in un video pubblicato su Facebook nel quale ha commentato: “Oggi mettiamo definitivamente un punto all’arroganza al potere”.

“Ma vi rendete conto? – ha proseguito – 150 milioni di euro: forse il prezzo che Renzi aveva dato al suo smisurato ego. E noi, sia chiaro, con questo atto simbolico abbiamo cercato solo di normalizzare le cose. Il nostro è un semplice tributo alla normalità”.

“Da quando sono ministro – ha spiegato Trenta – ho volato spesso a Bruxelles per i vertici Nato e i Consigli Affari Esteri dell’Ue. Ho volato a Londra, in Tunisia, in Libia come sapete. E nei prossimi giorni sarò anche in Libano, dove l’Italia ha ripreso con orgoglio il comando della missione Unifil. Ecco, in nessuno di questi casi c’è mai stato bisogno di un aereo così!”

Il ministro ha assicurato che un velivolo delle dimensioni dell’Airbus di Matteo Renzi avrebbe sempre viaggiato vuoto.

Loading...

“Vi sto raccontando tutto questo – ha continuato – anche per fare luce sulla disinvoltura con cui i precedenti governi hanno usato i soldi pubblici, ovvero i soldi, di noi cittadini”.

Trenta ha quindi fatto sapere di aver inviato una lettera alla Direzione degli Armamenti Aeronautici per richiedere la risoluzione del contratto dell’Airbus di Renzi.

“L’oggetto – ha precisato – è ‘Risoluzione del contratto’.”

E questa è la prima notizia che il ministro della Difesa ha dato. La seconda “è che proprio poco fa la Direzione degli Armamenti Aeronautici ha scritto ad Alitalia convocando la compagnia in una riunione per il 7 agosto, quando le due parti concorderanno i termini della risoluzione del contratto”.

E ha concluso: “Il 7 agosto, si chiuderà quindi un’era: l’era egli sprechi e dei privilegi. Il prossimo 7 agosto, finalmente, questo Paese tornerà ad essere normale”.

Guarda il video:

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.