Le ultime sue parole prima di morire: ” Mi ha punto un insetto.” Ecco di cosa si tratta.

Rieti. Muore mentre stava lavorando. Ha avuto solo il tempo di chiamare aiuto e raccontare cosa fosse accaduto.

L’uomo di 39 anni si chiama Floriano Palmegiani. Lavorava nell’azienda di famiglia. Ha chiesto aiuto ma si è accasciato subito dopo.

La vicenda su Il Giornale:

Immediate le chiamate ai soccorsi, che sono arrivati con un’ambulanza sul posto; inutili i tentativi di rianimare l’uomo, per cui non c’era ormai più nulla da fare. Una morte improvvisa, fulminante, che resta tuttora senza spiegazione; l’unico indizio è la richiesta di aiuto per la puntura di un insetto da parte del 39enne.

Eppure, secondo quanto è stato possibile constatare sul suo corpo senza vita dopo un primo controllo, i medici avrebbero escluso che la causa del decesso possa essere imputabile a quanto riferito dall’ uomo prima di perdere i sensi.

Sembrerebbe quindi allontanarsi anche l’ipotesi di uno choc anafilattico connessa ad un’eventuale puntura. Diventeranno di fondamentale importanza, pertanto, gli esami ematici e tossicologici per risalire alle reali cause del decesso del 39enne.

Quanto detto dall’uomo prima di morire non concorda con i primi esami sul corpo della vittima. La famiglia scossa per una morte così improvvisa ora attende la risposta degli esami più approfonditi.

Non solo, si indaga cosa potesse essere presente lì sul posto al momento della morte di Floriano.

Fonte: ilgiornale

Foto: ilgiornale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.