“Basta sgomberi”. “No alla violenza sui rom”. Ma in piazza a protestare c’è solo Vauro, 4 comunisti e i giornalisti”

Nell’estate delle pagliacciate antirazziste e buoniste non poteva mancare una manifestazione in difesa degli zingari: “Basta sgomberi”. “No alla violenza sui rom” (in realtà sono gli italiani vittime delle violenze dei rom). Ma in piazza si presentano solo quattro disagiati comunisti e il vignettista Vauro travestito da Che Guevara.

Questi sono solo alcuni degli slogan della manifestazione di protesta indetta dalle comunità rom e sinti a Roma.

Il sit-in contro le evacuazioni dei campi volute dal governo gialloverde ha avuto luogo ieri pomeriggio, a Montecitorio. C’erano proprio tutti: giornalisti, troupe televisive, un regista e perfino il vignettista, Vauro. Insomma, erano davvero tutti lì per i rom. Peccato che a boicottare la festa siano stati proprio loro. Insomma, i festeggiati hanno “paccato”. Forse faceva troppo caldo? Non si sa. Visto l’orario – le 14 – probabilmente sì.

C’è poi da dire che la manifestazione è stata organizzata anche in occasione della giornata in ricordo del Porrajmos, lo sterminio di rom e sinti durante la seconda guerra mondiale. Ma niente da fare.

E il vignettista Vauro si è anche travestito per l’occasione da Che Guevara. Aspettava i rom per dimostrargli la sua solidarietà, ma loro, invece, non si sono presentati.

Non si sono visti nemmeno tutti quegli intellettuali e personaggi che sempre li difendono a spada tratta. Già, praticamente non è venuto nessuno.

Secondo il quotidiano Il Tempo, i nomadi presenti all’evento erano solo tre. Degli sgomberati, invece, neanche l’ombra.

Chissà, forse faceva davvero troppo caldo.

Con fonte Il Giornale

redazione riscatto nazionale.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.