“Incentiva a venire in Italia”: Salvini taglia lo spot “pro-invasione” voluto dal PD. Risparmiati 3 milioni di euro

Ebbene sì, il governo abusivo del Partito Democratico si era inventato anche lo spot pro-invasione da 3 milioni di euro, soldi dei contribuenti italiani, per incentivare i clandestini ad imbarcarsi e invadere l’Italia. Ma ora c’è Salvini agli Interni, cancellata la vergogna.

Roma – Alt. Cambio di passo. Ed ecco che a pochi giorni dall’entrata in vigore della direttiva Salvini sulla razionalizzazione della spesa per le politiche migratorie, che ridefinisce il modello vigente di accoglienza nell’ottica di ottimizzare i servizi e contenerne i costi, arriva il primo atto formale

Il titolare del Viminale ha firmato la revoca su un impegno di spesa pari a 3 milioni di euro relativo alla gara per una campagna di comunicazione volta ai migranti e alle realtà associative che si occupano del settore dei servizi offerti ai richiedenti asilo e le facilitazioni in seno all’accoglienza volute dall’Italia e dall’Europa. Un progetto, messo in campo a ottobre scorso e non ancora assegnato, il cui filo conduttore era volto a invogliare la venuta in Italia degli stranieri. E proprio in queste ore invece, Matteo Salvini, ha pronunciato l’ennesimo stop: il documento del ministro come primo atto formale non a caso viene denominato «determina di revoca gara 1». Il motivo? «La necessità di dare corso ad un processo di riorganizzazione e di riallocazione delle risorse del Fondo asilo e immigrazione (Fami) da destinare a iniziative di comunicazione, anche mediante la creazione di economie di scala così riporta la nota – date da un più efficiente utilizzo di risorse interne ovvero utilizzando singoli professionisti in possesso di qualifiche specifiche». E già. Salvini non chiude alla comunicazione né alle informazioni da divulgare agli immigrati piuttosto ritiene che debbano essere messe in campo in maniera più idonea. Vale a dire che vi saranno certamente ulteriori provvedimenti di revoca almeno in merito agli atti non aggiudicati o assegnati a trattativa privata.

La musica è per così dire cambiata e questo rappresenta il primo tassello spartiacque tra le politiche della sinistra, in materia di accoglienza sul territorio, e quelle del ministro leghista. Non è certo da sottovalutare quantomeno l’ammontare di strumenti messi in campo per la comunicazione e la divulgazione di notizie negli ultimi due anni: materiale cartaceo tra volantini e brochure indirizzati direttamente agli stranieri, volumi sui valori dell’accoglienza, periodici patinati e cartelle ciclostilate. E ancora registri con tante categorie per contare e rendicontare i servizi ai migranti: solo per questo tipo di prestazione sono stati spesi oltre 20 milioni di euro. Un altro milione e passa i servizi di supporto ai cosiddetti Centri territoriali per l’immigrazione e prima ancora di sostegno: tutto alla modica cifra di altri 2 milioni. Senza dimenticare la campagna di comunicazione per incentivare gli immigrati a rimpatriare a spese dello stato italiano che, oltre a evidenziare un flop clamoroso in prima istanza, è stata anche riforaggiata a gennaio dal governo Gentiloni con un altro abbondante milione.

A questi impegni bisogna sommare anche i costi per la gestione del desk con tanto di sviluppo software (ossia raccolta dati) per ulteriori 4 milioni elargiti nell’ultimo biennio a Cittalia, la fondazione dell’Anci, ossia l’Associazione nazionale comuni italiani. Certo, al momento tra le uscite cospicue (circa 27 milioni di euro più Iva) e l’esiguo rientro di appena 3 milioni c’è un’assoluta disparità di guadagni. Però questo è solo il primo passo. I risparmi veri saranno quelli provenienti dalla revisione dei servizi cosiddetti di seconda accoglienza, che verranno elargiti solo ai titolari di protezione e ai rifugiati. E non più a pioggia a tutti i richiedenti asilo.

Con fonte Il Giornale

redazione riscatto nazionale.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.