Il Vescovo di Chioggia sta con Salvini: “Famiglia Cristiana? Non mi rappresenta”. “Aiutare i migranti a casa loro”

Loading...

Il vescovo di Chioggia, Adriano Tessarollo, in un’intervista con il Corriere della Sera, prende le distanze dai cattocomunisti di Famiglia Cristiana e dalla copertina contro Salvini: “È stupido identificare Famiglia Cristiana con tutti i preti”. E sui sedicenti profughi aggiunge: “Si deve intanto cercare di garantire loro diritti e dignità nelle terre d’origine”.

VENEZIA – L’intervista che nasce da un commento su Facebook, con il commento comincia: «Ritengo stupido identificare Famiglia cristiana con tutti i preti. Smettiamola con questa mentalità “collettivizzante”… I giudizi generalizzanti di categoria sono la cosa più malevola e offensiva che uno possa fare».

Adriano Tessarollo, vescovo di Chioggia, ha scritto queste parole intervenendo in una discussione sul problema immigrati, animata o ri-animata dal «Vade retro Salvini», che Famiglia cristiana ha regalato a tutta copertina al neo ministro dell’Interno leghista e alla sua politica di «sbarchi zero». «Niente di personale o ideologico: si tratta del Vangelo» dice il settimanale paolino. Il suo direttore, Antonio Rizzolo, ha spiegato (intervista web a Vanity fair) di aver voluto «sottolineare come la presidenza della Conferenza episcopale Italiana, molti singoli vescovi del Nord e del Sud, religiosi e laici cattolici impegnati stiano reagendo a certi toni sprezzanti e aggressivi adoperati dal vice premier riguardo all’emergenza migranti. Sono in netto contrasto con il Vangelo… fomentano pregiudizi ed equivoci poco costruttivi». Anche monsignor Tessarollo è vescovo, ma forse non la pensa proprio tutta come Rizzolo.

Dietro quel suo appunto c’è il «Vade retro Salvini». Fosse stato per lei, avrebbe fatto quella copertina? «Io non l’avrei fatta così. Cosa si voleva sottolineare? Mi pare di capire che si dica come, con queste posizioni forti e i tanti interventi, il ministro sembri quasi prestarsi a sollecitare gli italiani ad opporsi all’atteggiamento apertura e di accoglienza, che è proprio del cristianesimo…».

Loading...

Il messaggio pare proprio questo. Cosa non le torna? «L’ho spiegato sulla Nuova scintilla, il settimanale della mia diocesi. Non mi sembra che il dibattito sul tema migranti prenda la direzione giusta. Si deve intanto cercare di far avere loro diritti e dignità nelle terre d’origine. Poi, certamente, bisogna accogliere, ma una volta accolto va data la possibilità di un lavoro dignitoso, di una casa, di poter pensare a una vita dignitosa. Non ci dimenticheremo certo di chi è in situazione di gravità, non ci gireremo di fronte a chi deve essere salvato dalle acque, daremo la nostra mano, ma è solo il primo passo. Rimane tutto il resto, che è il di più».

Non trova che ci sia un punto di verità nel dire che toni esasperati, modi spicci e insistenza possono, se non creare, contribuire a diffondere chiusura e pregiudizi? «Può darsi che contribuiscano, ma bisogna anche avere il coraggio di dire che un certo sentimento è già stato diffuso e rimane. Si dice: è un sentimento di pancia. Non è detto, però, che sia irrazionale. Allora bisogna chiedersi: cosa dobbiamo fare per riportare serenità tra le persone e nei ragionamenti?»

Ha una risposta? «Ci vuole razionalità da parte di chi si occupa dei problemi. Non si può accogliere e poi impedire di muoversi, circolare, lavorare in condizioni umane, e tenere le persone in queste circostanze per due, tre anni. Così le si espone a disprezzo e ostilità, anche perché quelle condizioni espongono al rischio di cercare espedienti: spaccio, furti… Lo Stato – e l’Europa, che non può dire sono arrivati da te, tienili tu. Italia e Grecia sono Europa – dev’essere in grado di dire quanto duri il percorso di accoglienza e garantire che stia in limiti di tempo “logici”».

Quali sarebbero? «Tre mesi, non certo tre anni. Il punto è che è sbagliato gridare, soffiare sul problema, ma non si può neppure dire accogliamo tutti. La gente non comprende il messaggio».

Lo dica: un po’ di simpatia per Salvini c’è…«Ma sì, anche se ci sono tante cose che non si possono condividere. Certe proposte, in certi contesti, rischiano di ottenere effetti contrari. Il crocifisso obbligatorio in tutti i luoghi pubblici è una di quelle. E’ passato il tempo dello Stato unito alla religione: Salvini rivendica una identità che non c’è più. San Paolo diceva: ascoltare tutto, accogliere ciò che è buono e ricusare il male». Vale anche per il Capitano della Lega, insomma.

Con fonte corriere.it

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.