Il presidente russo Vladimir Putin sorpassa l’Italia anche sul ponte di Messina e ordina la costruzione di quello che potrebbe diventare il ponte più lungo del mondo, unendo le coste dell’isola di Sakhalin a quelle della Federazione. In un incontro con il governatore dell’isola, Oleg Kozhemyako, Putin ha detto: “Da decenni si discute del tema di costruire un ponte tra Sakhalin e la terraferma, è un sogno della gente che vive sull’isola”. E poi ha annunciato di aver dato istruzioni al governo perché elabori un piano per la fattibilità del progetto del ponte che, se realizzato, renderebbe più facile la vita della popolazione locale. “Puoi arrivare, partire in qualsiasi momento dell’anno, con qualsiasi tempo con il ponte”, ha sottolineato il presidente. Sakhalin – dopo che a maggio è stato inaugurato il ponte di Kerch, che unisce la Crimea alla Russia – è l’unica regione rimasta senza una connessione terrestre alla Federazione, si legge sul sito di Russia Today. Il ponte sarebbe lungo 580 chilometri e la sua costruzione, che prevede anche infrastrutture ferroviarie, richiederebbe svariati miliardi di dollari. A causa della difficoltà nei collegamenti, l’isola negli ultimi 25 anni ha visto ridursi la popolazione del 30%, attestasi adesso intorno ai 500mila abitanti.